Più notizieNotizia

 

"Chiunque arriva nel  territorio nazionale tramite  trasporto di  linea  aereo, marittimo, ferroviario o terrestre, è tenuto a consegnare al vettore all’atto dell’imbarco una dichiarazione che, in  modo chiaro e dettagliato, specifichi:

- i motivi del viaggio;

- l’indirizzo completo dell’abitazione o della dimora in Italia dove sarà svolto il periodo di sorveglianza sanitaria e l’isolamento fiduciario;

- il mezzo privato o proprio che verrà utilizzato per raggiungerla;

- un recapito telefonico anche mobile presso cui ricevere le comunicazioni durante l’intero periodo di sorveglianza sanitaria e isolamento fiduciario.

 

Le  persone che  fanno  ingresso in Italia, anche  se asintomatiche, sono obbligate a comunicarlo immediatamente al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio e sono sottoposte alla sorveglianza sanitaria e all’isolamento fiduciario per un periodo di quattordici giorni presso l’abitazione o la dimora preventivamente indicata all’atto dell’imbarco. "

 

Fonte: http://www.mit.gov.it/comunicazione/news/coronavirus/coronavirus-disposizioni-stringenti-per-chi-rientra-italia

Domande frequenti e modello della dichiarazione sui motivi del viaggio:

https://www.esteri.it/mae/it/ministero/normativaonline/decreto-iorestoacasa-domande-frequenti/focus-cittadini-italiani-in-rientro-dall-estero-e-cittadini-stranieri-in-italia.html 

 

 

L’Ambasciata del Portogallo a Roma e la Sezione Consolare saranno chiuse fino al 24 aprile, alla luce delle circostanze attuali.

 

I cittadini portoghesi che avessero bisogno di aiuto per rientrare nel Portogallo potranno contattare la linea COVID-19 tramite il numero +351 217 929 755 o l’indirizzo mail covid19@mne.pt

 

In caso di emergenza possono essere utilizzati i contatti seguenti: +351 217 929 714, +351 961 706 472 o gec@mne.pt 

 

 

È stato aggiornato sul sito del Ministero dell'Interno il modello dell'autodichiarazione necessaria per giustificare il movimento fuori dalla propria abitazione:

https://www.interno.gov.it/sites/default/files/allegati/nuovo_modello_autodichiarazione_26.03.2020_editabile.pdf

 

Ulteriori informazioni: 
http://www.governo.it/it/articolo/decreto-iorestoacasa-domande-frequenti-sulle-misure-adottate-dal-governo/14278

 

 

"- Sono un cittadino straniero e mi trovo attualmente in Italia, posso fare rientro nel mio Paese?
- Sì, se il rientro è un'urgenza assoluta, alle medesime condizioni alle quali è sottoposto il rientro dei cittadini italiani dall'estero (v. faq). La temporanea sospensione dell'attività lavorativa o la sua continuazione in modalità di "lavoro agile" non consentono invece spostamenti. Si raccomanda di verificare prima della partenza le misure previste nel Paese di destinazione per contrastare la diffusione del virus."

 

Fonte: https://www.esteri.it/mae/it/ministero/normativaonline/decreto-iorestoacasa-domande-frequenti/focus-cittadini-italiani-in-rientro-dall-estero-e-cittadini-stranieri-in-italia.html

 

Elenco completo delle domande frequenti: https://www.esteri.it/mae/it/ministero/normativaonline/decreto-iorestoacasa-domande-frequenti

 

"Si potrà andare a prendere negli aeroporti, porti o stazioni chi rientra in Italia dall'estero. Tutti coloro che rientrano, inoltre, dovranno segnalare la circostanza alle Asl e osservare 14 giorni di isolamento. È quanto precisa il Dipartimento della Protezione Civile per chiarire le modalità con cui le migliaia di italiani che in queste ore stanno tornando nel nostro paese potranno raggiungere le proprie abitazioni.

Chiunque rientrerà in Italia sarà sottoposto ai controlli con il termoscanner dai volontari della Protezione Civile e la polizia effettuerà i controlli di frontiera, agevolando la compilazione dell'autocertificazione per il rientro al proprio domicilio. "In ottemperanza alle misure vigenti per la mobilità delle persone all'interno del territorio nazionale - aggiunge il Dipartimento - sarà consentito ad una sola persona raggiungere lo scalo aeroportuale per agevolare il rientro verso la residenza o il domicilio". Uno spostamento che rientra "rientra tra le fattispecie di 'stato di necessità' che dovrà essere autocertificato con il modulo messo a disposizione del Viminale, compilato in tutte le sue parti, indicando, in particolare il tragitto percorso".    Inoltre, come previsto dal decreto del ministro dei trasporti di concerto con il ministro della Salute, "i connazionali che rientrano dall'estero, anche in assenza di sintomi riconducibili al Covid-19, dovranno obbligatoriamente comunicare il proprio ingresso in Italia al Dipartimento di prevenzione dell'Azienda Sanitaria locale e saranno sottoposti alla sorveglianza sanitaria e all'isolamento fiduciario per un periodo di quattordici giorni."

 

Fonte: https://www.esteri.it/mae/en/sala_stampa/archivionotizie/approfondimenti/protezione-civile-si-puo-andare-a-prendere-chi-torna-dall-estero.html

 

Contattaci

Via Guido d’Arezzo, 5
00198 Roma

(+39) 06 844 801 (Sezione Consolare)
secretariado.roma@mne.pt (Ambasciata)
sconsular.roma@mne.pt (Sezione Consolare)
Facebook Twitter 

More information

Link utili

Visa

Portuguese Communities Portal logotype

Logotipo International Careers logotype

Turismo de Portugal logotype

AICEP - Portugal Global logotype

Portugal Economy Probe logotype

Camões - Instituto da Cooperação e da Língua logotype

Instituto Diplomático logotype